Quotidiano on line (iscritto nel registro del Tribunale di Ancona, 11 aprile 2019, REG. 5/2019). Direttore responsabile: Lino BELLAGAMBA (iscritto dal 20 febbraio 2019 nell'elenco speciale dell'Ordine dei giornalisti delle Marche).

FREE L’affidamento dei servizi d’architettura e ingegneria: dalle negoziate all'analisi critica del bando-tipo ANAC. n. 3. Disciplina giuridica, questioni, casi, giurisprudenza.

22 dicembre 2021 (mercoledì), in video-conferenza facile (dalle 9:15 alle 16:15). Orario a oltranza (possibilità preclusa dalla giornata c.d. "in presenza"), per poter porre ogni possibile domanda. EVENTO CONFERMATO.

PREMESSA
Nella giornata si opererà una ricognizione generale di tutte le modalità di acquisizione dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria, dall'«affidamento diretto» alla procedura aperta, dopo lo "sblocca cantieri, dopo la legge di conversione del D.L. 16 luglio 2020, n. 76 e dopo il convertito D.L. 31 maggio 2021, n. 77. Ma soprattutto si esaminerà in dettaglio il "vincolante" bando-tipo n. 3 dell’ANAC, con l'indicazione puntuale della necessarie deroghe e integrazioni.
Si evidenzieranno, anche alla luce delle domande poste dai singoli partecipanti, le criticità che sorgono nell’interpretazione del corpo normativo e le scelte teorico-pratiche più prudentemente ipotizzabili. E comunque, alla fine, una scelta va sempre operata.
L’incontro viene svolto in continua interlocuzione, in aula, con i singoli partecipanti.
Avendo aggiornato ed aggiornando volumi già pubblicati (cfr. La gara di progettazioneL'avvalimento dei requisiti economici e tecniciLa gara d'appalto di servizi e forniture, l'accordo quadro, l'affidamento dei servizi di progettazione), come materiale di documentazione vengono messi a disposizione:
1) l’analisi specifica dello schema di disciplinare di gara inerente al bando-tipo n. 3, con osservazioni infra-testo e con i necessari riferimenti giurisprudenziali (di circa n. 76 facciate);
2) l’analisi specifica della «nota illustrativa» (di circa n. 24 facciate);
3) un contenuto di disciplinare di gara (di circa n. 35 facciate), non previsto nel bando-tipo, che (per esempio e tra l'altro): esamina in dettaglio la questione se i motivi di esclusione di cui all’art. 80 del codice riguardino (per le persone giuridiche) anche gli esecutori materiali del servizio che non siano concorrenti-offerenti; chiarisce gli equivoci sulla nozione di idoneità professionale, fornendo un complesso ma definito quadro sistematico della materia; contiene uno schema-tipo per la qualificazione economico-tecnica del raggruppamento misto (materia che desta i maggiori problemi teorico-pratici in sede di gara) anche in relazione al "principio di corrispondenza attenuato" per i servizi svolti; esamina la questione se il professionista che partecipi già da solo, ovvero un raggruppamento di professionisti, possano indicare un esecutore di una parte del servizio, senza doverlo raggruppare come mandante; 
4) l’analisi della questione se, per i servizi di progettazione di lavori pubblici e assimilabili, sussista o meno l’obbligo di far ricorso al MEPA, qualora non si utilizzi il «sistema telematico messo a disposizione dalla centrale regionale di riferimento» (di n. 3 facciate);
5) lo schema di «delibera» ovvero di determinazione «a contrarre», di motivata deroga al bando-tipo dell’ANAC n. 3 (di n. 2 facciate, con la decisiva pronuncia del Consiglio di Stato);
6) il codice dei contratti commentato (per il “sistema appalto”) di circa n. 1.150 facciate con, sotto ogni comma, la giurisprudenza di riferimento e box di analisi (è evidenziato con immediatezza anche tutto il contenuto applicabile ai settori speciali);
7) le linee-guida n. 1 dell’ANAC, 
di attuazione del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recanti: «Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria» (cfr. delibera 15 maggio 2019, n. 417, in G.U. 13 giugno 2019, n. 137) (con testo corredato di analisi giuridiche, commenti e riferimenti giurisprudenziali, di circa n. 33 facciate);
8) il decreto del MIT 2 dicembre 2016, n. 263, con indicazione della specifica giurisprudenza di riferimento (di circa n. 10 facciate);
9) l’affidamento soltanto della direzione dei lavori e del coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione (di n. 8 facciate);
10) gli articoli del D.Lgs. 50/2016 da tenere in considerazione (di n. 3 facciate);
11) l'analisi del convertito D.L. 31 maggio 2021, per quanto interessa la materia (di n. 19 facciate);
12) l'analisi del convertito D.L. 16 luglio 2021 (di n. 56 facciate).

PROGRAMMA
PARTE I: I DUE DECRETI "SEMPLIFICAZIONI"

1. Il decreto “semplificazioni 2”
- Modifiche alla disciplina del dibattito pubblico.
- Semplificazioni in materia di affidamento dei contratti pubblici PNRR e PNC: il RUP; l’assegnazione di un punteggio premiale per l’uso nella progettazione di metodi e strumenti elettronici specifici; il decreto MIMS, 2 agosto 2021, n. 312.
- Le modifiche alla disciplina del subappalto.

Le modifiche al D.L. 18 aprile 2019, n. 32 (c.d. “sblocca cantieri”).
- La «commissione giudicatrice» che «di regola» e da subito «lavora a distanza».

2. Il decreto “semplificazioni 1”
Affidamento diretto: come uscire dall'impasse che ora, nell'«affidamento degli appalti e delle concessioni, le stazioni appaltanti rispettano, altresì, i principi di libera concorrenza, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, nonché di pubblicità»? L'«esigenza che siano scelti soggetti in possesso di pregresse e documentate esperienze analoghe a quelle oggetto di affidamento, anche individuati tra coloro che risultano iscritti in elenchi o albi istituiti dalla stazione appaltante, comunque nel rispetto del principio di rotazione». Le tre possibili modalità di affidamento diretto. La questione diffusa dell’affidamento diretto della direzione-lavori. Come rimanere sotto EUR 139.000, partendo dalle tabelle dei corrispettivi. Le procedure negoziate non ad «affidamento diretto»: la «diversa dislocazione territoriale delle imprese invitate»; l'impatto sull'art. 157 del D.lgs. 50/2016. Il criterio di aggiudicazione per l’«affidamento diretto» di cui all'art. 95, comma 3, lett. b), del D.Lgs. 50/2016, per importo da EUR 40.000 a importo inferiore a EUR 139.000.
- La disciplina dell'affidamento in deregulation, rispetto al codice, recata dall'art. 2, comma 4, del D.L. 76/2020.

 
PARTE II: IL BANDO-TIPO N. 3
La seconda parte (cui sarà dedicata la maggior parte della giornata) riguarda il bando-tipo n. 3, che verrà analizzato in dettaglio in tutte le sue criticità.
- Il problema dei CAM (criteri ambientali minimi).
- L’«importo a base di gara (...) al netto di oneri previdenziali e assistenziali» e «il valore stimato dell’appalto» che sarebbe «comprensivo degli oneri previdenziali ed assistenziali», ovvero una contraddizione da chiarire.
- La non sussumibilità della «ripetizione» di cui all'art. 63, comma 5, del D.Lgs. 50/2016, nella categoria dell'«opzione». L'«opzione» e la qualificazione quantitativa. L'affidamento ozpionale di D.L. e C.S.E.. La differenza concettuale fra "valore totale stimato d'appalto" e "importo di cui tenere conto per il calcolo della soglia comunitaria".
- L'onere e non l'obbligo per il consorzio stabile di indicare una o più consorziate esecutrici.
- I requisiti generali e l'àmbito soggettivo di verifica.
- I requisiti di idoneità professionale, fra persona fisica e persona giuridica. Il gruppo di lavoro.
- I requisiti di idoneità economica: il fatturato (anche in riferimento allo scioglimento dello studio associato); la copertura assicurativa.
- I requisiti di idoneità tecnica: i servizi svolti e l'insufficienza della "convenzione di incarico"; la spendibilità pro quota di servizio eseguito in raggruppamento; i servizi "di punta" e la necessità che siano due; i servizi "di punta" e l'inammissibilità dell'avvalimento frazionato; i titoli di studio e/o professionali e la loro precisa individuazione, anche al fine dell'esecuzione diretta dell'ausiliaria; i titoli di studio e/o professionali e la possibilità condizionata che siano previsti come criteri di valutazione dell'offerta tecnica; la dotazione di personale e la possibilità che sia computato un ingegnere non iscritto all'ordine in tutto l'ultimo triennio.
- Raggruppamenti e figure assimilabili: il giovane professionista; la sufficienza del possesso del fatturato e della dotazione di personale secondo il principio del cumulo alla rinfusa, nel rispetto del D.Lgs. 50/2016, art. 83, comma 8, terzultimo periodo; la copertura assicurativa e l'illogicità dell'applicazione del principio "di corrispondenza"; i servizi svolti e l'inammissibilità di una mandante senza qualificazione; i due servizi "di punta" e l'illogicità dell'affermazione che «la mandataria deve possedere il requisito in misura maggioritaria»; i due servizi "di punta" e l'illegittimità del principio che il requisito «può essere posseduto da due diversi componenti del raggruppamento»; il nostro schema-tipo (estratto di disciplinare di gara) per la qualificazione economico-tecnica del raggruppamento "misto", anche in relazione al "principio di corrispondenza attenuato" per i servizi svolti.
L’affidamento soltanto della direzione dei lavori (D.L.) e del coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione (C.S.E.) in varie tipologie prestazionali (“ID. Opere”), ovvero una non semplice fattispecie, da declinare in relazione alla sussistenza di un servizio sostanzialmente unitario: il raggruppamento verticale e la sua possibile specificazione in quello “misto”; la complessa questione dell’applicabilità del modello verticale allo specifico appalto de quo; l’inapplicabilità della disciplina sul giovane professionista.
- Consorzi stabili: la vexata quaestio sull’interpretazione dell’art. 47, comma 2-bis, ovvero l'applicabilità o meno del principio del cumulo alla rinfusa.
- L’avvalimento dei servizi di progettazione: non può essere cartolare.
- Garanzia provvisoria e "impegno" per la definitiva: l'art. 93, comma 10, del codice;  il caso del consorzio ordinario.
Criterio di aggiudicazione del rapporto qualità/prezzo: lo schema sintetico tri-partito della tracciabilità ex ante dell’iter motivazionale, con mera valenza esemplificativa.
- Il principio di distinzione fra i criteri ("soggettivi") di qualificazione degli operatori economici e i criteri ("oggettivi") di valutazione delle offerte: la differenza fra i servizi eseguiti come parametro di idoneità tecnica e i tre servizi svolti come criterio di valutazione.
- La grossolanità del bando-tipo di far inserire in offerta tecnico-qualitativa ciò che va soltanto in documentazione amministrativa.
- La vexata quaestio sull'applicabilità dell'art. 95, comma 10, del D.Lgs. 50/2016.
- La busta telematica per l'offerta-tempo e per quella sui criteri on/off: la giurisprudenza.
- Le funzioni dell'organo ordinario di gara, del RUP e della commissione giudicatrice.

RELATORE
Lino BELLAGAMBA, consulente e formatore, autore di studi e monografie, specializzato nelle procedure di selezione del contraente e in materia di finanza di progetto. Direttore responsabile del quotidiano on line APPALTIeCONCESSIONI.

Lino Bellagamba
ORARIO e ACCESSO all’AULA DIGITALE
Registrazione dei partecipanti, ore 9:00; aula digitale: ore 
9:15/13:00-14:00/16:15.
Da CONTRATTI PUBBLICI Italia ogni singolo partecipante riceverà una mail che conterrà il link sul quale cliccare per accedere all’aula digitale (non occorre possedere nessun programma; basta solo avere un microfono in proprio se si vuole interloquire, altrimenti si può far uso della chat che compare in automatico sullo schermo).
Per i requisiti tecnici minimi di sistema, cliccare qui. In ogni caso, senza nessun impegno da parte vostra, ci inviate una mail e in mezzo minuto facciamo una prova diretta con la quale vi dimostriamo la semplicità del collegamento.

COSTO
Il costo è di: per n. 1 partecipante, EUR 430; per n. 2 partecipanti, EUR 850; per n. 3 partecipanti, EUR 1.250; per n. 4 partecipanti, EUR 1.650; per n. 5 partecipanti, EUR 2.050; per n. 6 partecipanti, EUR 2.450; per ogni partecipante in più, dal settimo fino al decimo, EUR 390; dall’undicesimo in poi, da concordare. Vanno aggiunti EUR 2,00 per il bollo in fattura a carico dell’Ente pubblico, cui non si applica l'IVA.
Per s.p.a. o s.r.l o enti dei settori speciali, l'organizzatrice dell'evento si riserva di richiedere il pagamento anticipato.

ISCRIZIONE e INFORMAZIONI
L’iscrizione si perfeziona: 1) con scheda da richiedersi preventivamente via mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., indicandosi anche il numero presunto dei partecipanti; 2) con successivo inoltro di tale scheda, compilata e sottoscritta, alla società organizzatrice dell’evento (CONTRATTI PUBBLICI Italia s.a.s.). L’organizzatrice dell’evento rilascerà da subito, all’ente pubblico, un’autocertificazione unica (digitalmente sottoscritta) che copre i profili sia dell’idoneità “morale” integrale, sia della tracciabilità dei flussi finanziari.
Gli Enti del SSN, in relazione al decreto MEF del 7 dicembre 2018, quale integrato dal decreto 27 dicembre 2019, provvederanno all’emissione dell’ordine NSO selezionando come canale di trasmissione la pec indicata nell’autocertificazione unica che sarà prodottta da CONTRATTI PUBBLICI ITALIA s.a.s., che riporta ogni dato comunque necessario per l’emissione dell’ordine stesso (pertanto, da parte di CONTRATTI PUBBLICI ITALIA s.a.s. non sarà compilata nessuna anagrafica aggiuntiva di sorta). Oltre l’ordine NSO dovrà essere trasmesso anche l’ordine secondo il diverso modello (in quanto contenente dati ulteriori) che sarà prodotto da CONTRATTI PUBBLICI ITALIA s.a.s..
Ai sensi della determinazione dell’ANAC 7 luglio 2011, n. 4 (paragrafo n. 3.9) non occorre il CIG (tuttavia esso sarà riportato in fattura elettronica, qualora il CIG stesso sia stato comunque assunto). Cfr. anche: Storie di ordinaria leggerezza. La comunicazione via mail della regolarità dell'ordine trasmesso secondo il suddetto modello vale come accettazione dell'ordine stesso, salva la necessaria conferma di svolgimento della giornata. Non sono assolutamente ammesse modalità di iscrizione diverse da quelle previste, né modulistica propria del singolo ente. Il materiale di documentazione e l'attestato di partecipazione saranno trasmessi solo via mail, subito dopo l’avvenuta partecipazione. L’organizzazione si riserva eccezionalmente di annullare o di rinviare l’incontro, o di non accogliere una richiesta di iscrizione, per motivi comunque insindacabili. Lo svolgimento della giornata sarà confermato agli iscritti non appena raggiunto un numero minimo di partecipanti.
Per qualsiasi necessità di chiarimenti, utilizzare la stessa mail sopra indicata, oppure telefonare al n. 3351805280.

PRIVACY
L’organizzatrice dell’evento formativo che fatturerà la prestazione – CONTRATTI PUBBLICI Italia s.a.s., con c.f/p.IVA 02668770429 – non tratta né dati sensibili, né giudiziari, e tratterà i dati ricevuti al solo fine della gestione materiale dell’evento, nel rispetto e secondo gli obblighi della vigente normativa.

Gli ALTRI NOSTRI SEMINARI di FORMAZIONE in materia di appalti e contratti
Cliccare in FORMAZIONE.

SUPPORTO RUP/IMPRESA

Proposta di  finanza di progetto e gara “a valle”: assistenza al RUP e predisposizione di tutti gli atti (dal bando e dal disciplinare alla modulistica) senza spesa per l’Amministrazione
Assistenza integrale al RUP sulla procedura di cui al D.Lgs. 50/2016, art. 183, comma 15, con predisposizione di tutti gli atti, con addebito del costo al concessionario “a buon esito”, senza necessità di alcun impegno di spesa per l’Amministrazione aggiudicatrice (non come incarico professionale, ma come appalto pubblico di servizio). Cliccare qui e scaricare direttamente on line lo schema di convenzione. Su richiesta anche lo schema integrato di convenzione per l'analisi della proposta.

Bandi di gara di lavori, servizi e forniture: richiedi un preventivo! I nuovi appalti integrati di cui al D.L. 31 maggio 2021, n. 77, art. 48, comma 5

Cliccare qui:dalla stesura della disciplina di gara, con motivata deroga ai bandi-tipo dell’ANAC n. 1, n. 2 e n. 3, alla definitiva aggiudicazione.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.